Si parla ancora di CinemArena

Ad alcuni mesi dalla sua conclusione, il CinemArena continua a far parlare di sé: promossa dal nostro ufficio come componente di sensibilizzazione di un programma sanitario sulle malattie non trasmissibili, l’iniziativa si è conclusa a fine luglio con la proiezione della finale dei mondiali di calcio a Ilha de Moçambique, antica capitale mozambicana.

Il numero di ottobre della “Rivista del Cinematografo”, storica rivista della Fondazione Ente dello Spettacolo, ha messo in prima pagina e pubblicato un reportage, firmato dalla giornalista Tiziana Ferrario, sul CinemArena. Il reportage racconta la straordinaria avventura della carovana itinerante di cinema e spettacolo, che per un mese ha svolto proiezioni cinematografiche e delle partite dei mondiali in 24 comunità remote nelle provincie di Zambezia e Nampula (le più popolose del Mozambico). La carovana, composta da una ventina di persone tra personale di progetto, tecnici audio e video, funzionari del Ministero della Salute e del Ministero della Gioventù e dello Sport, e fotografi, ha percorso circa 8.500 km, spesso su strade sterrate o di difficile accesso, ed ha potuto contare su una media di circa 1.500 partecipanti per ogni serata.

“Possono essere molto massacranti le giornate per i ragazzi e le ragazze di CinemArena. Ci vuole tanto affiatamento per reggere a questi ritmi. Si dorme poco, per lo più in tenda e si sta sempre insieme”, testimonia la giornalista, che ha viaggiato con la nostra carovana per documentare l’iniziativa intervistando i membri dell’equipe e le comunità locali.

Oltre alle partite dei mondiali, sono stati proiettati alcuni classici del cinema italiano e mozambicano (da “Ladri di Biciclette” a “Comboio de Sal e Açúcar”, film sul conflitto civile mozambicano ambientato proprio in alcuni dei villaggi dove la carovana è passata). Tiziana Ferrario non ha solo partecipato alle serate del CinemArena, ma è riuscita a cogliere e condividere le emozionanti reazioni che hanno accompagnato le proiezioni: “Un’altra serata quando hanno proiettato AnimaMundi, documentario sugli animali, il mio stupore si è associato a quello dei presenti, ma per ragioni molto diverse. Per alcuni, incredibile in Africa, è stata la prima volta che hanno potuto vedere un leone o un elefante”, osserva.

L’obbiettivo delle proiezioni era quello di attirare l’attenzione delle comunità per svolgere una campagna di prevenzione ed educazione sanitaria, che ogni sera si è realizzata attraverso la proiezione di filmati educativi, dibattiti comunitari, e pièce teatrali, una forma di comunicazione particolarmente efficace nei contesti rurali.

La giornalista conclude raccontando la proiezione della finale dei Mondiali nella fortezza di São Sebastião a Ilha de Moçambique, antica capitale del Mozambico, luogo denso di significato storico (essendo un crocevia della tratta degli schiavi) e dall’innegabile fascino in stile decadente. “Passeggiando per i suoi vicoli sono visibili ancora oggi i segni di una storia visibile attraverso gli stili diversi dei tanti edifici, da quelli religiosi a quelli pubblici come la residenza del Governatore oggi diventata un museo, al vecchio Ospedale che sembra abitato da fantasmi, alle abitazioni più semplici. Antichi relitti di galeoni giacciono ancora nei fondali dell’isola e attendono che qualcuno sveli i loro carichi preziosi”.

Il reportage integrale di Tiziana Ferrario, accompagnato dagli scatti di Luigi Carta, si può trovare sul numero di ottobre della rivista.

Sul nostro canale YouTube è anche disponibile un breve documentario sull’iniziativa, realizzato da Francesca Rocchio, che racconta attraverso riprese, immagini e interviste ai membri della carovana l’avventura del CinemArena nei vilaggi del Mozambico.

 

Fare clic per aprire una mappa più grande

Posted in Uncategorized.